Piedimonte San Germano: www.museodellamemoria.eu – «Il Museo della Memoria e della Guerra». Un progetto dell’Associazione Antares.


Print Friendly, PDF & Email

 

«Studi Cassinati», anno 2022, n. 2
> Scarica l’intero numero di «Studi Cassinati» in pdf
> Scarica l’articolo in pdf

.

Si riferisce in merito a un interessante, prezioso e ambizioso progetto ideato e realizzato dall’Associazione Antares Ets di Piedimonte San Germano che ha una ricaduta storica nel segno della memoria, non limitata solo a quel Comune ma a tutto questo territorio. I pedemontani debbono andare fieri degli eccellenti intenti finora realizzati dalla vulcanica Associazione Antares e di quelli che riuscirà nel futuro ad attuare. Si tratta di cosa notevole tra testimonianze raccolte, foto e filmati d’epoca molti dei quali poco noti, se non addirittura totalmente sconosciuti. Nessun altro Comune di questo territorio può vantare la realizzazione di un progetto del genere nel segno della memoria di una devastazione totale subita neanche ottant’anni fa e che tutti dovrebbero avere sempre ben presente. Il Cdsc porge ad Antares le congratulazioni più sincere per l’encomiabile idea e la scrupolosa ricerca dei materiali, allo stesso tempo auspica e sollecita altre Associazioni culturali a mettere a disposizione i loro archivi digitali arricchendoli con ulteriore documentazione al fine di poterli riunire tutti nel segno dell’organizzazione di un sito su un «Museo della Memoria e della Guerra» ricomprendente tutti i Comuni del martirologio della «Linea Gustav» e della «Linea Hitler-Sbarramento Senger» (gdac).

 .

Al via il «Museo della Memoria e della Guerra di Piedimonte San Germano», progetto realizzato dall’Associazione Antares Ets che da quasi vent’anni opera sul territorio del Lazio meridionale per la promozione della cultura, la valorizzazione del patrimonio artistico e della memoria storica. In occasione del 78° anniversario della liberazione di Piedimonte San Germano (25 maggio 1944-25 maggio 2022), viene lanciato il progetto multimediale del museo in lingua italiana consultabile all’indirizzo internet: www.museodellamemoria.eu. Nei prossimi giorni sarà visitabile anche la versione in lingua inglese. Il progetto multimediale «Museo della Memoria di Piedimonte San Germano» attraverso i sentieri della memoria, le testimonianze dei civili, i luoghi della memoria, i panel della battaglia, racconta due anni di sofferenza, del dramma della popolazione civile costretta a sfollare e della distruzione totale dell’antica cittadina di Piedimonte San Germano. Nella fase successiva, con la collaborazione della Fondazione Levi-Pelloni di Roma, la Fondazione Francesco Raponi di Alatri e l’Associazione Monte Carmignano per l’Europa di Caiazzo saranno realizzati l’Archivio della Memoria, costituito da registrazioni audio e video delle testimonianze dei civili, da documenti provenienti dagli archivi nazionali di Londra sulla battaglia di Piedimonte, dai microfilm dei bombardamenti aerei alleati provenienti dagli archivi statunitensi e la Biblioteca della Memoria, costituita da numerosi libri pubblicati sul periodo bellico tra cui quelli della collana Storia e Memoria dell’Associazione Antares. La guerra a Piedimonte San Germano non si svolge soltanto nell’ultima settimana del mese di maggio del 1944, come spesso viene raccontato, ma inizia molto prima e termina molto tempo dopo. Già nel luglio del 1943 con il bombardamento dell’aeroporto di Aquino ci sono vittime e ingenti danni. Nel settembre del 1943 la cittadina viene fortificata e nel corso delle settimane successive diventa il baluardo della Linea Hitler. Subisce continui bombardamenti aerei da parte degli alleati che tentano di distruggere le fortificazioni ed è colpita dal tremendo bombardamento della vicina abbazia di Montecassino il 15 febbraio 1944. Nel frattempo la popolazione subisce lo sfollamento coattivo, viene forzatamente allontanata dalla cittadina. Nell’ultima settimana di maggio del 1944, dopo la conquista di Montecassino, i polacchi sferrano l’attacco definitivo per sfondare la linea e Piedimonte San Germano si trasforma in un cumulo di macerie. Il percorso che propone l’Associazione Antares attraverso questo progetto multimediale il «Museo della Memoria di Piedimonte San Germano» permetterà agli utenti di esplorare e conoscere la sofferenza dei civili e le devastazioni provocate dalla guerra.

.

* «L’Inchiesta», venerdì 27 maggio 2022, p. 15.

.

(2 Visualizzazioni)