La mostra sulla vecchia funivia di Cassino: “Dal progetto alla distruzione”


Print Friendly

.

Studi Cassinati, anno 2008, n. 1

Grande successo ha riscosso la mostra fotografica sulla funivia dell’anteguerra allestita dal CDSC onlus nella “Sala S. Benedetto” della parrocchia di S. Antonio da Padova in corso della Repubblica, con la collaborazione della parrocchia stessa e del parroco d. Benedetto Minchella.
Circa tremila visitatori hanno affollato la sala tra il 1° e il 10 febbraio scorso; numerosi di essi sono tornati più volte a rivedere le immagini della vecchia funivia, segno dell’interesse suscitato dalla mostra. Quel manufatto è ancora ricordato con nostalgia dai Cassinati anziani; ma non è mancata la curiosità di coloro che non lo hanno conosciuto di persona, visto che ora si parla di una cabinovia che dovrebbe svolgere le stesse funzioni.
Ad arricchire la mostra c’è stata la pubblicazione del catalogo, con tutte le immagini esposte in sala – molte di esse inedite – ed un prezioso corredo storico. A completare l’offerta ai visitatori si è aggiunta l’edizione di un DVD con filmati e riproduzione delle foto in mostra prodotto dalla coop. Millenium di S. Elia Fiumerapido. Sponsor della mostra e del catalogo è stato il socio CDSC, Claudio Dell’Ascenza, titolare del Gruppo Shopping e appassionato raccoglitore di memorie grafiche e a stampa di Cassino: lo ringraziamo vivamente.
Oltre le foto d’Archivio è stato riprodotto – sia in mostrra che in catalogo – il volumetto stampato in occasione dell’inaugurazione della funivia nel 1930, con le firme dei primi illustri viaggiatori, messo gentilmente a disposizione dall’ing. Giorgio Pelosio, discendente dei costruttori della funivia. L’inaugurazione della mostra, abilmente condotta dalla nostra gentile vice presidente Patrizia Patini, dopo la presentazione del presidente prof. Giovanni Petrucci, ha registrato gli interventi del sindaco di Cassino, dott. Bruno Vincenzo Scittarelli, dell’on. Wanda Ciaraldi, consigliere regionale del Lazio, dell’ing. Giorgio Pelosio, nipote del costruttore della funivia; particolarmente interessante è stata la commossa rievocazione della vecchia funivia da parte dell’ing. Carlo Di Mambro; ha preceduto gli interventi la proiezione del filmato realizzato dalla coop. Millenium, di Gino Miele e Angela Iannarelli. Tra i visitatori della mostra va segnalata la partecipazione – anche questa particolarmente commossa – dei discendenti del costruttore della funivia di Cassino, Conte De Rossi di Castelpetroso, in particolare il sig. Eugenio Pelosio, 92enne, marito di Giulia De Rossi, figlia del Conte, presente in una delle foto ricordo dell’inaugurazione del 1930.

(62 Visualizzazioni)