Cassino: inaugurazione dell’Historiale Polemiche sul nome


Print Friendly, PDF & Email

 

Studi Cassinati, anno 2005, n. 3

Lunedì 11 luglio è stata inaugurata a Cassino, alla presenza del presidente della Camera dei Deputati on. Pierferdinando Casini, la struttura museale multimediale denominata “Historiale”, allestita nei locali dell’ex mattatoio comunale appositamente ristrutturati.
Si tratta di un allestimento multimediale che unisce i linguaggi di cinema, museografia e arti visive. In tredici sale rievoca gli avvenimenti e i ricordi della popolazione del Cassinate, nella seconda guerra mondiale, durante i nove mesi di scontri lungo la “Linea Gustav”, in quella che va sotto il nome di battaglia di Cassino e Montecassino.
Il museo, finanziato dal Ministero per le Attività Culturali, organizzato dal Comitato istituzionale “Battaglia di Montecassino”, è stato realizzato da Officina Rambaldi, un team internazionale di professionisti guidati da Carlo Rambaldi, premio Oscar per gli effetti speciali dei film “King Kong”, “Alien” e “ET”.
La denominazione “Historiale di Cassino”, che si legge sul logo e sulla targa all’ingresso della struttura di via S. Marco, ha destato qualche polemica da parte di cittadini dei 36 comuni aderenti al Comitato celebrativo, che avrebbero preferito che si scrivesse semplicemente “Historiale”: qualcuno ha lamentato la tendenza di Cassino a monopolizzare, “ancora una volta”, tutte le iniziative riguardanti l’intero territorio.
In effetti, se la denominazione è unica, avendola brevettata Rambaldi, non c’era bisogno di aggiungere anche “di Cassino”, a meno che non si volesse dare una connotazione geografica che facesse conoscere a tutti l’ubicazione del museo.
Ma sorge un dubbio: non è per caso che Rambaldi sia stato costretto ad aggiungere “di Cassino” perché il nome Historiale – che è pur sempre un neologismo, non codificato da alcun vocabolario – esiste già da qualche altra parte?
Pare che sia proprio così. Quanti sanno che in Francia c’è già un “Historial de la Grande Guerre” a Château de Péronne? E che dire dell’”Historial Charles De Gaulle” presso il Musée de l’Armèe – Hôtel National des Invalides? E del «Musée de l’Historial de la Vendée»?
Se è così, Rambaldi, non avendo inventato nulla di nuovo, riguardo al nome, non poteva fare diversamente.

Emilio Pistilli

“La sfida raccolta da Officina Rambaldi è quella di creare un allestimento storico capace di comunicare, raccontare in modo suggestivo e coinvolgente, i drammatici eventi di questo territorio e la sua rinascita. Abbiamo voluto portare all’attenzione nazionale il significato e la rilevanza di questi avvenimenti che trascendono il territorio locale, pur costituendo un omaggio alla memoria della popolazione e dei tanti caduti del conflitto. Nell’Historiale le tecniche e le tecnologie impiegate sono al servizio della storia e la contaminazione dei linguaggi – quello del cinema, delle arti visive e della comunicazione – ha lo scopo di presentare con efficacia e con codici più aderenti alla sensibilità del nostro tempo questa storia drammaticamente esemplare”.

Carlo Rambaldi

(75 Visualizzazioni)