Epigrafe Funeraria rinvenuta in San Pietro Infine


Print Friendly, PDF & Email

 

Studi Cassinati, anno 2003, n. 4

di Maurizio Zambardi

Apografo dell’epigrafe
(Foto e rilievodi Maurizio Zambardi)

L’Epigrafe funeraria, di epoca romana, fu rinvenuta alla fine degli anni ’40 nel terreno di proprietà di Pasquale Masia (nipote di Don Giustino Masia) a San Pietro Infine, in Viale degli Eroi, durante i lavori per la costruzione della nuova casa. In principio fu accantonata in un angolo del giardino in attesa della segnalazione agli studiosi, ma venne dimenticata, rimanendo semisommersa dai rovi e dalla sterpaglia. Le ossa rinvenute, comunque, furono trasferite presso il cimitero del paese. In seguito, durante la sistemazione del giardino, ritornò alla luce e allora la famiglia Masia decise di destinarla ad un futuro museo del paese. In attesa di tale giorno fu portata in un prefabbricato, posto in Piazza Risorgimento e adibito a sede della Pro Loco. L’epigrafe vi è rimasta fino a qualche giorno fa, quando, a causa dello smantellamento del prefabbricato, oramai fatiscente, la lapide tombale è stata rimossa e posta nella sede comunale.

Materiale: Calcare locale.
Dimensioni della lapide (larghezza 50 cm; altezza 40 cm; profondità 40 cm circa)
Altezza dei caratteri dell’epigrafe (4,00 cm – 5,50 cm)

C(aius) ANNIUS SEX(ti) F(ilius)
HEIC SITUS EST
L(ucius) ANNIUS SEX(ti) F(ilius)
TER(etina tribu) VIVIT

Gaio Annio figlio di Sesto
è deposto in questo luogo
Lucio Annio figlio di Sesto
della Tribù Teretina vive
L’epigrafe risale alla seconda metà del I sec. a.C. e si riferisce al luogo di sepoltura di Gaio Annio figlio di Sesto. La lapide tombale è posta dal fratello Lucio, ancora in vita. I due fratelli facevano parte, come tutta la gente del circondario, della Tribù Teretina.

(152 Visualizzazioni)