SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE


Print Friendly

 

EMILIO PISTILLI (a cura di), “Il Martirologio di Cassino”. Il contributo di sangue dei Cassinati nelle guerre del XX secolo, CDSC Onlus, Città di Cassino, Presidenza del Consiglio Comunale, Tipogr. Ugo Sambucci, Cassino, 2002; pagg. 96 illustr. b./n, f.to cm. 21×30; s. pr.
Nel volume sono elencati i caduti di Cassino nella seconda guerra mondiale, nella guerra di Spagna e nella prima guerra mondiale.
Quadro riassuntivo delle vittime delle guerre del sec. XX.
2ª guerra mondiale

Vittime Civili: Cassino, n. 1.660 – S. Angelo in Theodice, n. 162 – Caira, n. 174
Non identificati circa 100 – Totale Comune, n. 2.190
Non sono inclusi resti umani non definiti.
Vittime Militari: Su tutti i fronti, n. 194; sul fronte russo n. 34; sul fronte greco e Mediterr. Orient. n. 26; sul fronte della ex Jugoslavia e costa dalmata n. 32; sul fronte dell’Africa settentrionale e orientale n. 28; sul fronte tedesco n. 11; in territorio metropolitano o nazionale n. 34.
In tutto la città di Cassino ha perduto nella seconda guerra mondiale n. 2.190 cittadini: (dato non definitivo).
Solo a Montecassino risultano deceduti n. 269 rifugiati civili, di cui 142 nel crollo del solaio della ex falegnameria del monastero.
Guerra di Spagna
Caduti n. 8.
Prima guerra mondiale
Caduti n. 274.
Nei conflitti del sec. XX Cassino ha perduto circa 2.472 cittadini.
Luigi di Rosa (a cura di), La fortezza, la colomba e la libertà. Una riflessione sull’esperienza bellica nel Lazio meridionale (1943-1944), Premessa e appendice fotografica a cura di Faustino Avagliano, Presentazione di Silvana Casmirri, Biblioteca del Lazio meridionale, Fonti e Ricerche Storiche sull’Abbazia di Montecassino 3, Montecassino 2001, Tipogr. Arti Grafiche Caramanica, Marina di Minturno, LT; pagg. 174 illustr. b/n., f.to cm. 14×21. ISBN 88-8256-803-2; s. pr.
Atti del Seminario di studio organizzato dal Laboratorio di storia regionale dell’Università degli Studi di Cassino in occasione del 55° anniversario della distruzione di Cassino e Montecassino: Cassino, Aula Pacis, 17 maggio 1999.
Gli interventi:
– Giuseppe Conti: La campagna d’Italia nell’ambito della strategia alleata;
– Nicola della Volpe: Una lezione della storia: il terreno della lotta;
– Jean Z. Zaremba: Partecipazione dell’esercito polacco alla campagna d’Italia;
– Costantino Jadecola: Storie e tragedie personali lungo la Linea Gustav;
– Faustino Avagliano: L’abbazia di Montecassino durante il secondo conflitto mondiale.
Mancano gli interventi di alcuni relatori perché non fatti pervenire dagli stessi autori.
In Appendice una memoria di Tommaso Leccisotti, O.S.B., “La desolazione estrema”, tratta dal libro “Montecassino” del 1983.
Emilio Pistilli
9.09.2002 PRESENZA Xn
Patrizia Patini, Atina. Artigianato, tradizioni popolari e cannardizie, Presentazione di Vincenzo Orlandi, “Historia” X, Collana di Studi e Ricerche a cura dei soci del Centro di Studi Storici “Saturnia”, Atina, Tipogr. Pontone, Cassino, 2002; pagg. 136 illustr. b./n., f.to cm. 17×24; s. pr.
Con la pubblicazione del libro di Patrizia Patini il Centro di Studi Storici “Saturnia” di Atina arricchisce notevolmente la sua già prestigiosa collana editoriale dedicata alla conoscenza e promozione culturale del territorio della Valle di Comino.
L’Autrice, nonostante la sua giovane età, è riuscita a comporre un quadro estremamente veritiero e dettagliato della Atina che fu, quella dei suoi nonni e quella tra Ottocento e Novecento.
Praticamente nel libro sono illustrati tutti gli aspetti dell vivere civile del paese: dall’agricoltura alla cucina, dall’industria all’artigianato, dalla scuola alle tradizioni popolari, alla religiosità della popolazione. Tutto è corredato di documenti, spesso riprodotti dall’originale, e da rarissime foto d’epoca. Non manca un dizionarietto di termini dialettali più significativi. Un’attenzione particolare l’Autrice riserva alle tradizioni culinarie del territorio, forte anche dell’esperienza della sua precedente pubblicazione, con Mario Ferrera, su “La cucina nell’antichità” (Historia, II, 1999).
Emilio Pistilli
10.09.2002 PRESENZA Xna
San Marco di Galilea, San Pietro e il primo cristianesimo di Atina nel Breve Chronicon Atinensis Ecclesiae, Centro Studi Storici “Saturnia”, Atti incontro culturale Atina 20 ottobre 2001: Mons. Dionigi Antonelli, Le fonti storiche medioevali della Chiesa di Atina, Mario Massa, Simbolismo e storia nel “Breve Chronicon”, Historia VIII, Tipogr. Pontone, Cassino, 2002; pagg. 104, f.to cm. 17×24; s. pr.
GENNARO MORRA, Storia di Venafro dalle origini alla fine del Medioevo, Presentazione di Faustino Avagliano, introduzione di Errico Cuozzo; “Archivio Storico di Montecassino – Studi e documenti del Lazio Meridionale”, 8, Montecassino, 2000, Tipogr. Idea Stampa di Ivo Sambucci; pagg. 670 + 16 tavv. f.t. b./n., f.to cm. 17×24; ISBN 88-8256-308-1; s. pr.
AMERIGO IANNACONE, A zonzo nel tempo che fu, Edizioni EVA, Venafro, Tipogr. Pontone, Cassino, 2002; pagg. 84, f.to cm. 15×21; ISBN 88-88030-28-X; € 10.00.

(60 Visualizzazioni)