Presentazioni del volume La prima guerra mondiale e l’alta Terra di Lavoro. I caduti e la memoria: Coreno Ausonio, Atina, San Giorgio a Liri.


Print Friendly

.

Studi Cassinati, anno 2017, n. 2

.

1: Coreno Ausonio

11 presentazioni1L’associazione Pro Loco di Coreno Ausonio ha presentato il libro che racchiude in oltre 500 pagine la grande Guerra vissuta nell’alta Terra di Lavoro all’inizio del XX secolo prima della composizione delle province odierne. Settantuno comuni quindi ricompresi nel volume, dal mare alla montagna, descritti nei loro caduti, monumenti e decorati.

Ampia è la sezione dedicata all’organizzazione dei comitati e tutto il sistema della solidarietà per i giovani partiti all’oscuro verso il nord Italia.

Nella serata, patrocinata dal Comune di Coreno, dalla locale sezione dell’ANCR e dall’UNPLI, nella sala polifunzionale a Coreno, l’autore, presidente del Cdsc-Onlus, rispondendo alle domande della brillante dottoressa Silvia di Bello, oltre agli argomenti del libro, ha sottolineato la differenza nello sforzo umano per la Grande Guerra rispetto alla seconda dei nostri giovani militari per lo più contadini e falegnami. Ha parlato dell’interessante approfondimento del CDSC al campo di prigionia di Caira dei militari dell’esercito austro-ungarico, della presenza del filosofo Ludwig Josef Johann Wittgenstein che al momento della cattura aveva nello zaino il dattiloscritto della sua Logisch philosophische Abhandlung («La Provincia»).

11 presentazioni2La serata, ottimamente organizzata e curata da GASPARE BIAGIOTTI, dinamico e giovane presidente della Pro Loco di Coreno nonché socio del Cdsc-Onlus, ha visto anche l’allestimento di una interessante mostra di cimeli, di reperti fotografici e di documenti relativi ai militari corenesi caduti e reduci, come pure la riproduzione delle pagine del periodico «La Serra» che nel corso di questo ultimo anno si è occupato delle vicende della Grande Guerra e dell’immediato primo dopoguerra in relazione alla popolazione locale. Va dato atto a Gaspare Biagiotti, che cura e dirige il periodico, di aver svolto una ricerca attenta, puntuale e approfondita, confluita appunto ne «La Serra», sollecitando le famiglie dei militari corenesi a reperire nei propri archivi 11 presentazioni3privati documenti, foto, ricordi dei loro cari caduti o reduci di guerra da mettere a disposizione della collettività. La ricerca condotta ha ottenuto la concessione del logo ufficiale «Centenario Prima Guerra Mondiale 2014/ 2018» istituito dal Governo italiano per celebrare il ricordo, a distanza di un secolo, dell’evento bellico, ma, soprattutto, va evidenziato che tale studio non trova uguali e riscontro in altri Comuni di questo territorio.


2: Atina

11 presentazioni4Sabato 20 maggio nell’ambito dell’importante evento «Notte dei Musei», organizzato dall’attiva direttrice dott.ssa Ilenia Carnevale del Museo Archeologico di Atina e della Valle di Comino «G. Visocchi», presso la suggestiva sede, preceduta dal saluto del sindaco della città ing. Silvio Mancini, si è tenuta la presentazione ad opera del dott. Lorenzo Arnone Sipari.

11 presentazioni5.


3: San Giorgio a Liri

11 presentazioni6Venerdì 9 giugno presso l’Auditorium-centro polifunzionale «Rosario Livatino» la presentazione è stata organizzata dalla Biblioteca Abi-Valle dei Santi con il patrocinio del Comune di S. Giorgio a Liri e in collaborazione con il Cdsc-Onlus. Dopo i saluti istituzionali portati dal sindaco on. Modesto Della Rosa, l’introduzione è stata curata dal direttore della Biblioteca, dott. Gianni Roccia. Momenti di commozione si sono avuti quando il sindaco Della Rosa ha voluto ricordare i caduti della Grande Guerra di San Giorgio a Liri leggendo i nominativi.

(113 Visualizzazioni)