In ricordo di Francesco De Rosa. Docente, dirigente, studioso, amministratore locale.


Print Friendly, PDF & Email

.

Studi Cassinati, anno 2017, n. 4
> Scarica l’intero numero di «Studi Cassinati» in pdf
> Scarica l’articolo in pdf

.

.

de-rosaIl 15 dicembre 2017 è scomparso Francesco De Rosa. Aveva 83 anni ed era originario di S. Ambrogio sul Garigliano. Docente di Italiano e Latino prima e poi preside del Liceo Scientifico di Cassino ha accompagnato, nel percorso di formazione scolastica superiore, generazioni di studenti. Ho avuto la fortuna di essere stato un suo studente al Liceo Scientifico «Pellecchia» di Cassino a metà degli anni ’70. Seguì quella classe del corso «A», che aveva preso a inizio del triennio, fino alla maturità declinando la possibilità di sospendere l’attività di insegnamento per dedicarsi esclusivamente alle funzioni di sussidio alla gestione dell’istituto. Pur sapendo di doversi sottoporre a maggiori carichi di lavoro, non volle, dunque, interrompere il rapporto con i suoi studenti.

Senso dell’umorismo e cordialità sono state le principali caratteristiche che lo hanno contraddistinto dal punto di vista umano, elevata cultura e capacità di relazionarsi con studenti e docenti quelle professionali, di insegnante, educatore e dirigente scolastico.

Dal punto di vista politico militò nelle fila della Democrazia Cristiana. Fece parte, per un decennio, del Consiglio Provinciale di Frosinone, eletto nel 1980 e riconfermato nel 1985, divenendo assessore provinciale dal 1982 al 1989. Fu consigliere comunale di Cassino e per un breve periodo, compreso tra il 1991 e il 1992, fu sindaco della città martire, in uno dei momenti più difficili e controversi della storia italiana.

Di straordinaria cultura e di profonda sensibilità, ha curato l’introduzione, traduzione, commento e note di alcuni volumi pubblicati nelle linea editoriale di Francesco Ciolfi destinata agli studi medievali, relativamente alle gesta di Roberto il Guiscardo, a quelle di Federico II e ai poemi encomiastici dedicati all’imperatore.

Inoltre aveva fatto parte, inizialmente, del coro di S. Ambrogio sul Garigliano e successivamente di quello di «S. Giovanni Battista» di Cassino.

Quando giunse al pensionamento continuò la sua attività di docente collaborando con la Cattedra di Latino presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Cassino. Talvolta lo incontravo con pacchi di versioni che si portava a casa per correggerli e gli piaceva ricordarmi che, a suoi tempi negli anni immediatamente post bellici, era stato un alunno di mio padre al Liceo classico «Carducci» e che poi era stato mio professore di italiano e latino allo Scientifico. Ma loro erano di un altro stampo, di un’altra epoca, di un altro spessore culturale, di un’altra erudizione, di un’altra preparazione (gdac).

.

.

Il Centro Documentazione e Studi Cassinati porge sentite, sincere condoglianze per la scomparse del socio prof.

Francesco De Rosa

dirigente scolastico, educatore, amministratore comunale e provinciale, modello di rettitudine e integrità.

.

.

(261 Visualizzazioni)