Historiale di Cassino. Mostra «MemoriaViva» 1939-1945


Print Friendly

.

«Studi Cassinati», anno 2019, n. 3
Scarica il numero di «Studi Cassinati» in pdf

.

14Historiale1Il 10 settembre 1943, in coincidenza con il 76° anniversario del primo bombardamento della città martire, è stata inaugurata presso l’Historiale di Cassino la mostra «MemoriaViva» realizzata da DBG Management&Consulting nell’ambito del bando regionale «Atelier, Arte, Bellezza e Cultura». Dopo i saluti di benvenuto di Barbara Molinari della DBG, hanno preso la parola Giovanna Pugliese della Regione Lazio, il sindaco di Cassino Enzo Salera, l’assessore alla Cultura Danilo Grossi, il presidente del Cdsc-Onlus Gaetano de Angelis-Curtis, il vicepresidente del Gruppo Giovani Unindustria Frosinone Michele Merola, infine lo storico dell’arte prof. Vittorio Maria De Bonis.

14Historiale3«La mostra “MemoriaViva”14Historiale2 ripercorre il dram-ma della guerra, con l’ausilio di più di 400 vecchie foto e testi grazie alla collaborazione del Centro Documentazione e Studi Cassinati, con l’ausilio di nuove tecnologie attraverso il 3D, la realtà virtuale, e il touch screen. Con delle modalità che permettono di avvicinare ad un pubblico dei più giovani quello che è stato il dramma della guerra di Cassino. “Sono davvero contento – ha detto il sindaco Enzo Salera – perché il progetto, proposto dalla Regione Lazio attraverso l’AtelierAbc, è finanziato dalla Comunità Europea. Un progetto nato qualche anno fa per Cassino, grazie al lavoro della dirigente regionale Giovanna Pugliese e dell’Assessore alla Cultura Danilo Grossi, con cui ieri abbiamo condiviso l’inaugurazione. Ed è importante aver riaperto il Museo Historiale, chiuso negli ultimi anni. Riaprire gli spazi culturali della nostra città significa investire sul futuro, significa lavorare sulle più belle risorse che il nostro territorio propone”» (www.tg24.info).

.

Il Cdsc-Onlus ha avuto parte molto attiva supportando la DBG Management&Consulting nelle fasi di realizzazione della mostra multimediale grazie all’alacre attività di Giovanni D’Orefice, alla disponibilità di Alberto Mangiante e Costantino Jadecola con i loro archivi fotografici, al supporto storico di Emilio Pistilli, Fernando Sidonio, Arturo Gallozzi, Giovanni Petrucci, Francesco Di Giorgio.

.

(4 Visualizzazioni)