San Pietro Infine. Acquasantiera del 1618 rubata agli inizi degli anni ’90.


Print Friendly

.

«Studi Cassinati», anno 2019, n. 4
> Scarica l’intero numero di «Studi Cassinati» in pdf
> Scarica l’articolo in pdf

.

di Maurizio Zambardi

.

Nel 1992 venne rubata a San Pietro Infine una splendida acquasantiera in marmo che si trovava posizionata sulla parete di sinistra della chiesa di Maria SS. dell’Acqua, protettrice del paese. Il furto avvenne poche settimane prima dell’inizio dei lavori di ristrutturazione della chiesa. Da allora niente più si è saputo della pregiata opera d’arte che è risalente all’anno 1618 come da incisione presente nel blocco di base della stessa. Dell’acquasantiera sappiamo che era originariamente posizionata nella vecchia chiesa di San Nicola, sita nel vecchio centro di S. Pietro. Poi l’edificio fu chiuso al culto in seguito al terremoto della Marsica del 13 gennaio del 1915, a causa dei gravi crolli che aveva riportato. Quindi nel 1950 l’acquasantiera venne spostata nella chiesa di Maria SS. dell’Acqua, dove si stavano effettuando i lavori di restauro e di ampliamento della stessa. Si volle così impreziosire la chiesetta con questa splendida opera d’arte che fu addossata ad un marmo rosa, anch’esso riutilizzato, come si evince dai nomi incisi che recava. Nella parte alta, in asse all’acquasantiera, fu creata anche una piccola nicchia, bordata da marmo e rivestita, all’interno, da pietre grezze che facevano da sfondo alla statuetta lignea della madonnina (risalente al XIV sec.), purtroppo anch’essa rubata negli anni ’70, del secolo scorso.

Nel 1950, insieme all’acquasantiera, fu spostato anche un lavabo in pietra calcarea locale, riportante la data 1642, che era stato donato alla chiesa di San Nicola dal sacerdote sampietrese don Bernardino Olivieri. Fortunatamente il lavabo è tuttora conservato nella sagrestia della Chiesa del nuovo centro dedicata a San Michele Arcangelo e San Nicola Vescovo.

Agli inizi degli anni ottanta feci il rilievo della chiesetta di Maria SS. dell’Acqua e in quell’occasione scattai anche molte foto alla struttura, tra cui anche quelle relative all’acquasantiera. Avendole ritrovate nel mettere un po’ d’ordine nell’archivio fotografico, ho ritenuto opportuno rendere pubbliche quelle foto nella speranza che qualcuno possa fornire qualche indizio che permetta di rintracciare quest’opera d’arte, con l’auspicio che possa far ritorno a San Pietro Infine.

.
.

Le foto sono dell’autore

10Zambardi_1
10Zambardi_2
10Zambardi_3
10Zambardi_4

 

(140 Visualizzazioni)