In memoria


Print Friendly

.

«Studi Cassinati», anno 2020, n. 1-2
> Scarica l’intero numero di «Studi Cassinati» in pdf
> Scarica l’articolo in pdf

.

Il primo aprile, presso l’ospedale di Riviera del Garda, è venuto a mancare il prof. Marcello Rizzello. Di famiglia pugliese, era nato a Roma il 16 gennaio 1933. Ha vissuto trenta anni in Ciociaria (dove ha lavorato come insegnante ordinario di materie letterarie e fu vice-rettore del Convitto Nazionale «Tulliano» di Arpino) per poi trasferirsi a Verona. È stato autore di molte pubblicazioni, tra volumi monografici, articoli e recensioni (pubblicati su riviste a carattere scientifico, quotidiani e periodici) concernenti l’archeologia, la storia (romana e medievale), le tradizioni. Ha partecipato a numerosi convegni come relatore e ha tenuto conferenze su svariati argomenti culturali. Nella sua attività di scultore ha presentato alcune sue opere in Mostre collettive. Fu vincitore del Premio Nazionale «Salento» (1955) e poi, per due volte, secondo classificato nel Premio Nazionale «Mattei-Città di Formia» (nel 1979 per la Sezione Archeologica e nel 1980 per la Sezione Studi Locali). Ha istituito l’Associazione Culturale «Media Valle del Liri» di cui ne è stato a lungo presidente, dando vita alla rivista di studi storico-archeologici «Terra dei Volsci», il cui primo numero vide la luce nel 1989 e di cui è stato coordinatore negli anni della sua pubblicazione. È stato membro del Consiglio direttivo del Centro Studi Sorani «Vincenzo Patriarca» nonché membro del Comitato di redazione di «Latium. Rivista di Studi Storici» (la nota biografica è stata tratta dalla sua opera: Roccadarce. Una fortezza e un paese nella storia, edita dal Comune di Roccadarce nel 2007).

.

37 In memoria_1Sabato 4 aprile 2020 è morto l’abate di Casamari, padre Eugenio Romagnuolo, 74 anni, che da qualche settimana lottava contro il coronavirus. Si è arreso al Covid19 nell’ospedale Spaziani di Frosinone dove era ricoverato da metà marzo. Le sue condizioni si erano aggravate dopo qualche giorno e, da allora, non sono più migliorate. Dom Eugenio Romagnuolo era nato il 17 giugno 1946 a Cerignola, in provincia di Foggia. Dodicenne, nel gennaio del 1958, era entrato nel seminario del monastero di Santa Maria di Cotrino (Br). Venne poi ordinato sacerdote il 10 agosto 1974. Fu prima coadiutore del rettore dei seminari dell’abbazia di Casamari e del monastero di Santa Maria della Consolazione a Martano (Le), poi, dal 1977 al 1993, rettore del seminario del monastero di Santa Maria di Cotrino a Latiano (Br), quindi priore del monastero di Valvisciolo a Sermoneta (Lt), e infine, il 21 luglio 2015, l’elezione ad abate della storica abbazia cistercense di Casamari. Mons. Ambrogio Spreafico, vescovo della Diocesi di Frosinone-Veroli-Ferentino nel suo messaggio di cordoglio lo ho ha definito «un uomo mite, buono, generoso, che si era posto al servizio dei monaci cistercensi di Casamari, luogo così caro alla nostra diocesi, luogo di preghiera e di incontro, di ospitalità e di formazione».

.

(3 Visualizzazioni)