Pignataro Interamna. L’origine del nome.


Print Friendly

.

«Studi Cassinati», anno 2020, n. 1-2
> Scarica l’intero numero di «Studi Cassinati» in pdf
> Scarica l’articolo in pdf

.

di Angelo Darini

.

9 Darini_1Il nucleo urbano di Pignataro Interamna, viene menzionato per la prima volta nel 997 nella Chronica Sacri Monasteri Casinensis1. In questo periodo erano cessate le ribellioni delle terrae sottomesse all’abbazia e nel breve abbaziato dell’abate Giovanni II (996-997)2 il Chronica riferisce dell’incendio della chiesa del Santissimo Salvatore di Pignataro. Il buon abate durante la rappresaglia accorse per calmare gli animi, ma non vi riuscì. Amareggiato e con l’animo rimorso si dimise dalla sua carica3, considerando questi fatti violenti4.

Una nuova menzione dell’abitato si ha tra il 1019 e il 1021, quando l’abate Atenolfo (1011-1022) chiamò un presidio dei Normanni a difesa della rocca di Pignataro, contro le ingerenze dei conti di Aquino5. Il centro abitato di Pignataro è ricordato, come «Piniatari» nel diploma di Vittore II del 1057, ma compare anche nell’elenco dei castelli appartenenti all’Abbazia che Riccardo dell’Aquila, duca di Gaeta, conte di Sessa, Pico e Suio, in giuramento all’abate Ottone, si impegnava a difendere6. L’iconografia del pino, uno degli alberi di maggior pregio dell’arte blasonica è indizio di antica nobiltà, simbolo di benignità e perseveranza7. Difatti il confronto sullo stemma comunale8 evidenzia la presenza di un albero di «pinus sylvester maritima LINN»9.

9 Darini_3La tesi accreditata fa risalire il toponimo di «Pignataro»10 all’antica tradizione e consuetudine locale della lavorazione dell’argilla, diffusa anche nei distretti di Arpino, Broccostella (località Cretaro e Pignataro), Ceprano, Ferentino, Pontecorvo, Veroli11 e nel territorio dell’attuale Pignataro Interamna12. Uscivano da queste officine di “fornaciari” prodotti come cannate, pignatte, boccali, tegami in terracotta e non solo ma anche laterizi, quali mattoni, tegole e canali. Questa lavorazione dell’argilla del Liri potrebbe risalire all’età romana13; tale attività potrebbe aver avuto un accrescimento nel medioevo. Come pure il termine pignatta14, derivante dalla locuzione «pineata», indicherebbe che nel medioevo indicava un recipiente fittile, a forma di pinea (i vasi pineati), vale a dire di pigna, il frutto del pino15.

Il suffisso Interamna viene aggiunto nel 1862 con l’Unità d’Italia per distinguere da altri paesi con la stessa denominazione. Con Regio Decreto del 09-11-1862 n. 977, in omaggio all’antica colonia romana il Comune divenne «Pignataro Interamna». A stabilirlo, una circolare del 28 giugno del Ministero dell’Interno trasmesso ai comuni interessati, individuati in una nota del successivo 30 giugno.

9 Darini_2L’esigenza nasceva dalla possibilità che molti paesi potessero essere confusi con altri omonimi; nel caso specifico con Pignataro in Campania16, che infatti, per lo stesso motivo, nello stesso anno, diventò Pignataro Maggiore. E come negli altri casi, il suffisso aveva attinenze storiche, orografiche, topografiche, con il comune e il suo territorio. Nella relativa delibera della variazione della denominazione, adottata dal Consiglio Comunale l’11 ottobre 186217, si legge che «l’antica Interamna Lirenate da remotissima epoca distrutta sotto l’impero Romano distava da questo punto pochi passi e il suolo di vasta e variante pianura presenta tutto giorno gli antichi ruderi di quest’Alma Città scoverti dall’aratro e da scavi dimodochè sono appariscenti i rottami di Templi dedicati alle Gentili Deità. Dallo avanzo di quei popoli fugati dal ferro e dal fuoco fu impiantato questo comune di Pignataro più volte distrutto dalle invasioni barbare ed ora circoscritto da piacevoli colline e confinato dal fiume Liri, sorge in mezzo della detta variante pianura. Ha l’ingresso dal punto settentrionale e diviso con bell’ordine da una strada interna, un lato dei fabbricati guarda l’oriente e un altro il Mezzogiorno». Da quel giorno il paese prende il nome di «Pignataro d’Interamna», poi semplificato in «Pignataro Interamna»18.

Nel 1927, a seguito del riordino delle Circoscrizioni provinciali19 stabilito dal Regio Decreto n. 1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Frosinone, Pignataro Interamna20 passò dalla provincia di Caserta a quella di Frosinone21.

9 Darini_4 9 Darini_7

.

BIBLIOGRAFIA

Biddittu-De Acutis-Pietrobono 2015: Italo Biddittu, Rosangela De Acutis, Sabrina Pietrobono, Sorgenti, trasporto e conservazione dell’acqua tra Medioevo ed età moderna nel Lazio: nuovi dati di indagine dalla Valle Latina, in VII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale. Palazzo Turrisi. Lecce, 9-12 settembre 2015, vol. 2, a cura di Paul Arthur, Marco Leo Imperiale, Edizioni all’Insegna del Giglio, Firenze 2015.

Chronica Sacri Monasterii Casinensis 1668: Chronica Sacri Monasterii Casinensis, ex Officina Ludovici Billaine, Lutatiae Parisiorum 1668.

De Angelis-Curtis 2013: Gaetano de Angelis-Curtis, Le variazioni della denominazione dei Comuni dell’alta Terra di Lavoro. Riflessi secondari dell’Unità d’Italia, Cdsc-Onlus, Cassino 2013.

Di Crollanza 1878: Goffredo Di Crollanza, Enciclopedia Araldico – Cavalleresca: Prontuario Nobiliare, Pisa, direzione Giornale Araldico 1876-1877, Stab. Tipografico Cappelli, Rocca San Casciano 1878.

Darini 2016: Angelo Darini, Interamna Lirenas. Il Santuario Extraurbano, Ex Voto e gli Spazi di Culto, Idea Stampa, Cassino 2016.

Del Bono MDCCLIV: Michele Del Bono (padre), Dizionario Siciliano Italiano Latino, vol. terzo, Stamperia di Giuseppe Gramignani, Palermo MDCCLIV.

Di Giorgio-Di Vito 2015: Francesco Di Giorgio, Erasmo Di Vito, Memorie di un Popolo, Comune di Pignataro Interamna, Idea Stampa, Cassino 2015.

Ferrari MDCLXXVI: Ottavio Ferrari, Origines Lingvæ Italicæ, Typis Petri Mariæ Frambotti Bibliopolæ, Patavii MDCLXXVI.

Ferrari 1820: Claudio Ermanno Ferrari, Vacabolario Bolognese, Co’ Sinonimi, Italiani e Frenzesi, Tipografia Nobili, Bologna 1820.

Ferrari 1835: Claudio Ermanno Ferrari, Vacabolario Bolognese-Italiano, Seconda Edizione, Tipografia della Volpe, Bologna 1835.

Galdi 2017: Amalia Galdi, Alle origini dell’aureum saeculum desideriano: Montecassino tra i secoli X-XI, in Mélanges de l’École Française de Rome, Moyenȃge, MEFRM, Vol. 129-2 (pp. 439-465), École Française de Rome, Roma 2017.

Gattola 1734: Erasmo Gattola, Ad Historiam Abbatiae Cassinensis, Accessiones I, Sebastianum Coleti, Venetiis 1734.

Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia 1862: Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia, n. 288, Decreto n. 977 del 09-11-1862, venerdì 5 dicembre, Torino 1862.

Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia 1927: Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia, parte prima, a. 68º, Roma, martedì 11 gennaio, anno V, n. 7, numero di pubblicazione 50, Regio Decreto-Legge 2 gennaio 1927, n. 1 (raccolta 1927), Riordinamento delle circoscrizioni provinciali.

Giannetti 1982: Antonio Giannetti, Tre vasai nelle nostre contrade ai tempi di Roma, in «Lazio Sud, Periodico di Cultura e Attualità del cassinate», a. I, n.1, Tip. Pontone, Cassino 1982.

Giannetti 1988: Antonio Giannetti, Notiziario Archeologico Ciociaria e zone limitrofe I e II, Tip. Pontone, Cassino 1988.

Ginanni MDCCLVI: Marc’Antonio Ginanni, L’arte del blasone, Guglielmo Zerletti, Venezia MDCCLVI.

Lampe-Simoncini 1988: Corrado Lampe (a cura di), Aldo Simoncini (foto di), Stemmi e Sigilli, Regione Lazio, Linea Editrice, Roma 1988.

Lena 1982: Gaetano Lena, INTERAMNA LIRENAS. Città importante in epoca romana. Oggi del tutto scomparsa. Rare tracce fra le zolle della contrada Termine (Cardillo), in «Lazio Sud, Periodico di Cultura e Attualità del cassinate», a. I, n.10, Tip. Pontone, Cassino 1982.

Manno 1907: Antonio Manno (a cura di), Vacabolario Araldico, Ufficiale, seguito dal dizionaretto di voci araldiche francesi, tradotte in italiano, Consulta Araldica, Stab. Giuseppe Civelli, Roma 1907.

Menagio MDCLXXXV: Egidio Menagio, Le Origini della lingua italiana. Appresso Giovani Antonio Chouët, Geneva MDCLXXXV.

Muratori MDCCCXXXIII: Ludovico Antonio Muratori, Dissertazioni sopra le antichità italiane, con note dell’abate Gaetano Cenni, Tomo Quinto, Leonardo Marchini, Firenze MDCCCXXXIII.

Pannuzi 2007: Simona Pannuzi, Produzioni di ceramica da fuoco dal tardomedioevo all’età moderna in area romana e nel Lazio meridionale, in Rita Lavagna (a cura di), La ceramica da fuoco e da dispensa nel basso medioevo e nella prima età moderna, Centro ligure per la storia della ceramica, Albisola, Atti del XXXIX convegno internazionale della ceramica (Savona 2006), Edizione all’Insegna del Giglio, Firenze 2007, pp. 203-223.

Pantoni 1982: Angelo Pantoni, Notizie storiche sull’attuale centro, in «Lazio Sud», a. I, n. 10, Tip. Pontone, Cassino 1982.

Pasqualino MDCCXC: Michele Pasqualino (abate), Vocabolario Siciliano Etimologico, Italiano e Latino. Tomo Quarto, Reale Stamperia, Palermo MDCCXC.

Pietrobono 2009: Sabrina Pietrobono, Del Nome, Dell’Uso e Dello Spazio: “Pignatte” e “Cannate” nella Media Valle Latina (FR), IX Congresso Internazionale sulla Ceramica Medievale nel Mediterraneo, Sessione Poster, Università Ca’ Foscari Venezia, Dipartimento di Scienze dell’Antichità e del vicino Oriente, Venezia 2009.

Scandone 1956: Francesco Scandone, Roccasecca Patria di S. Tommaso De Aquino, in «Archivio Storico di Terra di Lavoro» pubblicato a cura della società di Storia e Patria di Terra di Lavoro, a. I, vol. I., Tip. Salvatore Farina, Caserta 1956.

Tosti 1842: Luigi Tosti, Storia della Badia di Monte-Cassino. Dall’anno di sua fondazione fino ai nostri giorni. Tomo primo, Stabilimento Poligrafico Filippo Cirelli, Napoli 1842.

.

NOTE
1
La Chronica Sacri Monasterii Casinensis (Cronaca del sacro monastero cassinese), anche conosciuta come Chronica monasterii casinensis (Cronaca del monastero cassinese) o semplicemente Chronicon Casinense.

2 Galdi 2017, p. 448, Scandone 1956, p. 42.

3 Lena 1982, p. 4 e Pantoni 1982, p. 7. Vecchio e malato, con il consenso dei monaci si fece sostituire e si ritirò in eremo (Galdi 2017, p. 448).

4 Tosti 1842, p. 165.

5 Chronica Sacri Monasterii Casinensis 1668, II, 38, p. 241.

6 Gattola 1734, I, p. 157 e p. 226.

7 Ginanni MDCCLVI, p. 131. Di Crollanza 1878, p. 479.

8 Lampe-Simoncini 1988, p. 243. Nell’etimologia popolare locale, il nome Pignataro si fa risalire a un sito di pini (pinetarium = luogo di una pineta) che doveva trovarsi proprio nei pressi del luogo ove sorgerà il centro abitato di Pignataro Interamna.

9 Manno 1907, p. 45.

10 Il «Pignataro» (pignatàru, pignattàro, pentolàjo, figulus. Del Bono MDCCLIV, p. 190; Pgnatar. Pentolaio, Stovigliaio, Catinaio, Vasaio. Ferrari 1820, p.190; Ferrari 1835, p. 413) è «colui che vende, fa o aggiusta pignatte» (pentole, pentolajo, vascularìus, figulus, Pasqualino MDCCXC p. 102) ed è dovuto a qualche luogo bottega o fornace per la lavorazione delle pignatte attorno a cui, probabilmente, si sviluppò il paese.

11 Pannuzi 2007, p. 212.

12 Biddittu-De Acutis-Pietrobono 2015, p. 236.

13 Per la vicina Interamna Lirenas. Darini 2016, pp. 29-45.

14 Pignàtta opignàtas. f., che anticamente fu anche: pignàtto o pignàtos. m. [Pignata. Ferrarii MDCLXXVI, p. 233; Pignatta. Menagio MDCLXXXV, p. 371; Pignàta. Del Bono MDCCLIV, p.189; Pignata. Pasqualino MDCCXC p. 102; Pignata. FERRARI 1820, p. 190; Pignatta. Muratori MDCCCXXXIII, p. 235; Pgnatt. Ferrari 1835, p. 413; Pignatta (Pignàta). Pietrobono 2009, sessione poster]. Nel dialetto bolognese il termine maschile (Pgnatt, Pignatto) s’appropria quasi sempre al vaso piccolo, il femminile (Pgnatta, Pignatta) al vaso grande, ma in italiano non vi è alcuna differenza fra Pignatto e Pignatta. Ferrari 1835, p. 413.

15 Giannetti 1988, p. 523; Giannetti 1982, p. 12.

16 I due Comuni di Pignataro, prima del 1927 appartenevano uno (Interamna) al Circondario di Sora e l’altro (Maggiore) al Circondario di Caserta, ma tutti e due facevano parte della provincia di Caserta (Terra di Lavoro).

17 A presiedere il Consiglio Comunale, in assenza del sindaco, è l’assessore Benedetto Vittigli; presenti i consiglieri: Silvestro Longo, Vincenzo De Monaco, Crescenzo Di Giorgio, Giuseppe Monaco, Vittorio Giovannoni, Marco Evangelista, Domenico Tiseo, Rocco D’Aguanno, Antonio Evangelista, Michelangelo Manetta, Pietro Lia, Giuseppe Cardillo, Crescenzo Calderone.

18 Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia 1862.

19 Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia 1927.

20 Faceva parte del Mandamento VIII di San Germano (1863) del Circondario di Sora (1860-1926), organo amministrativo subordinato, istituito con la Legge 23 ottobre 1859 n. 3702 (nota anche come decreto Rattazzi o legge Rattazzi), alla provincia di Terra di Lavoro, con capoluogo Sora.

21 Di Giorgio-Di Vito 2015, p. 43.

.

(5 Visualizzazioni)