In memoria di Grimoaldo Di Sotto


Print Friendly, PDF & Email

.

«Studi Cassinati», anno 2021, n. 4
> Scarica l’intero numero di «Studi Cassinati» in pdf
> Scarica l’articolo in pdf

.

Il 18 novembre del 2021 è venuto a mancare il nostro socio e collaboratore Grimoaldo Di Sotto. Era nato il 19 aprile 1929 e aveva iniziato la sua poliedrica esistenza nell’Esercito dove era giunto al grado di tenente colonnello, ma poi si era dimesso negli anni sessanta per intraprendere la professione di insegnante nella scuola media di Aquino, dove collaborò attivamente con il compianto preside prof. Alberto de Angelis-Curtis. In seguito fu nominato insegnante nel circolo didattico di Piedimonte S. Germano dove ha profuso tutte le sue qualità di maestro acquisendo notevoli meriti.

Ma i suoi meriti e riconoscimenti li ha conseguiti nella passione che ha riversato nello studio e nella ricerca della storia dell’arte del nostro territorio. Ebbe come maestri il prof. Luigi Grassi dell’Università degli Studi di Roma e gli studiosi dell’abbazia di Montecassino quali d. Angelo Pantoni e d. Tommaso Leccisotti. Possiamo far risalire all’anno 1973 l’inizio del suo interesse per la storia dell’arte locale. L’occasione fu data dall’operazione del distacco di un affresco situato nella Chiesetta dei Sette Dolori ubicata al di sopra delle sorgenti di Capodacqua di Castrocielo. L’operazione fu condotta dal maestro restauratore Biagio Cascone che poi curò un accurato e magistrale restauro restituendo l’originaria bellezza all’opera, ora conservata nella pinacoteca della Chiesa di S. Rocco di Castrocielo. Siamo negli anni in cui la città di Aquino, sotto la direzione del compianto d. Battista Colafrancesco, era protesa nella preparazione del VII Centenario della morte di S. Tommaso d’Aquino culminato con la visita di papa S. Paolo VI il 14 settembre 1974. Nell’ambito del Comitato fu costituita una commissione che doveva curare le manifestazioni e le opere d’arte programmate per celebrare l’evento. Grimoaldo fu incaricato di seguire questo settore ed in particolare il concorso indetto per la progettazione di un monumento al santo Aquinate. Nel frattempo erano stati avviati i lavori di abbellimento dell’interno della Basilica-Cattedrale dedicata a S. Tommaso e S. Costanzo e un imponente mosaico di circa 300 m.q. fu realizzato dal grande artista Carlo Maria Mariani, scomparso solo qualche mese prima di Grimoaldo (tra i due è rimasto un bel rapporto di amicizia, vedi la foto del 2013 a Foligno che lo ritrae insieme all’artista e alla moglie Adele Testa).

Ci piace chiudere queste brevi note con un pensiero della sua amata figlia Ilaria: «Sarebbe impossibile descrivere una persona come lui: era un caleidoscopio di interessi, passioni, attitudini, che infine per me il tutto si può riassumere in un’unica parola: era il mio papà!».

 

                                                                                   Gianni D’Orefice

.

Pubblicazioni:      

  • 1976 Pitture della chiesa rupestre S. Angelo in Asprano, in «Benedettina»
  • 2007 Gli affreschi Medioevali dell’Antica Contea di Aquino
  • 2013 L’arte moderna della Cattedrale di Aquino (vedi recensione su «Studi Cassinati», a. XV, n. 2, aprile-giugno 2005, pp. 140-142)

(9 Visualizzazioni)