Omaggio all’Ucraina


Print Friendly, PDF & Email

.

«Studi Cassinati», anno 2022, n. 1
> Scarica l’intero numero di «Studi Cassinati» in pdf
> Scarica l’articolo in pdf

Tutto il mondo è a conoscenza della guerra scatenata in Ucraina dal 24 febbraio scorso. Le immagini che arrivano rappresentano situazioni assimilabili a quelle vissute 78 anni fa in questo territorio e in tutt’Italia con bombardamenti, mezzi corazzati e aerei, uomini in divisa e non, combattimenti, armi, violenze, civili in fuga pure a piedi o che resistono in bunker improvvisati.

Nella sua storia Cassino ha maturato un breve ma significativo legame con gli ucraini. Negli anni della Prima guerra mondiale furono internati nel Campo di concentramento di Caira migliaia di militari fatti prigionieri e fra le etnie che componevano l’allora multiforme galassia dell’impero Austro-ungarico giunse anche quella proveniente dalla Galizia, oggi in Ucraina, oltre a caucasici. La piccola comunità ucraina internata a Caira, che fin da subito si era offerta di far ritorno in Patria al fine di combattere per l’UNR (Ukrayinska Narodna Respublika) contro la Russia bolscevica, fu la più attiva dal punto di vista culturale allo scopo di mantenere vivo il sentimento di identità nazionale coinvolgendo redattori impegnati nella stampa manuale di giornali («Il prigioniero», «Lazzaroni»), insegnanti, attori, musicisti, coristi, pittori, nonché impegnata perfino in partite di calcio (sport allora poco noto se non sconosciuto localmente).

Carlo Nardone, che ha già svolto una approfondita ricerca sul Campo di concentramento di Caira confluita in una preziosa pubblicazione, è riuscito anche a reperire disegni e dipinti realizzati in quel periodo da artisti ucraini, conservati nell’Archivio centrale di Stato ucraino di Kiev e gentilmente messi a disposizione. A lui e al prof. Igor Sribnyak, docente di Storia e Filosofia dell’Università «Borys Grinchenko» di Kiev, vanno i ringraziamenti di «Studi Cassinati» che pubblica qualcuno di quei dipinti come atto di solidarietà, fratellanza e vicinanza al popolo ucraino (gdac).

Raffigurazione dell’opera Nel giorno di Taras composta da Grits Dubyk e Ivan Nedilsky, disegno di Vasyl Kasian (ucraini internati nel Campo di Caira): dal periodico «Il prigioniero», 9 marzo 1920.

Resurrezione dell’Ucraina, immagine allegorica disegno di Vasyl Kasian: dal periodico «Il prigioniero», 9 marzo 1920.

Particolare della copertina del periodico «Il prigioniero», 20 aprile 1919 con la scritta: «Cassino, 20 aprile 1919.».

Particolare della copertina del periodico «Il prigioniero», 25 gennaio 1919 con la scritta: «Cassino, 25 gennaio 19.».

Baracche del Campo di concentramento di Caira: dal periodico «Il prigioniero», n. 1, 25 gennaio 1919.

Cancello d’ingresso del Campo di concentramento di Caira: dal periodico «Il prigioniero», 11 marzo 1920.

Disegno: dal periodico «Il prigioniero», 9 marzo 1919.

Ufficiali ucraini acquistano del pane da civili fuori dal Campo di Caira, sullo sfondo Montecassino, disegno di Vasyl Kasian: dal supplemento satirico «Lazzaroni», n. 1, 25 gennaio 1919.

Prigionieri ucraini mentre leggono il supplemento satirico «Lazzaroni» nel Campo di concentramento di Caira, disegno di Vasyl Kasian: dal supplemento satirico «Lazzaroni», 9 marzo 1919.

Prigionieri ucraini che giocano a carte nel Campo di concentramento di Caira, disegno di Vasyl Kasian: dal supplemento satirico «Lazzaroni», n. 4, 20 aprile 1919.

Ufficiali prigionieri di varie nazionalità che giocano a calcio nel Campo di concentramento di Caira: dal supplemento satirico «Lazzaroni», n. 1, 25 gennaio 1919.

(18 Visualizzazioni)