BENVENUTO NELLA TERRA SANCTI BENEDICTI A DOM ANTONIO LUCA FALLICA 193° ABATE DI MONTECASSINO

Print Friendly, PDF & Email
«Studi Cassinati», anno 2023, nn. 2-3

> Scarica l’intero numero di «Studi Cassinati» in pdf

> Scarica l’articolo in pdf

 

Dom Antonio Luca Fallica, 193° abate di Montecassino nominato da papa Francesco il 9 gennaio 2023, si è insediato definitivamente il 13 maggio 2023.

Dom Antonio Luca Fallica

Dom Antonio Luca Fallica è nato nel 1959 a Ripatransone (Ascoli Piceno). Ha maturato la sua fede e la sua scelta monastica nella Chiesa di Ancona, città in cui la sua famiglia si era trasferita nel 1971 e dove è cresciuto. Nella città marchigiana si è formato nell’Azione Cattolica, nella quale è stato responsabile prima del Movimento Studenti e poi del Settore Giovani. Nel 1985 si è laureato in Giurisprudenza e dopo aver maturato una breve esperienza lavorativa nell’ambito della cooperazione culturale è entrato nel monastero benedettino di Praglia (ubicato nel Comune di Teolo, in provincia di Padova, due anni prima che vi facesse il suo ingresso dom Donato Ogliari per cominciare il proprio cammino di fede). Nel monastero di Praglia ha iniziato la formazione teologica, proseguita poi presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale di Milano. Quindi con altri fratelli ha dato inizio, nel 1989, alla Comunità Monastica della «SS. Trinità» che dal novembre 2005 si è insediata in una struttura abitativa, già colonia montana, sita in un bosco a 1000 metri sopra il lago Maggiore in località Pragaletto nel Comune di Dumenza, in provincia di Varese. Si tratta di uno dei 64 tra monasteri, abbazie e priorati dislocati in 24 Paesi del mondo che afferiscono alla Comunità Sublacense Cassinese. In tale comunità, il 5 gennaio del 1996, aveva emesso la sua professione monastica solenne. Inoltre nella Comunità Monastica «SS. Trinità» di Dumenza aveva svolto l’incarico di cellerario (economo) per poi essere eletto priore il 29 ottobre del 2010, svolgendo il servizio per dodici anni, fino al 2 dicembre del 2022.

Quindi lunedì 9 gennaio 2023 papa Francesco ha nominato dom Antonio Luca abate di Montecassino, succedendo a dom Donato Ogliari che ha guidato sapientemente l’Abbazia dal 23 ottobre 2014, poco più di otto anni caratterizzati da epocali cambiamenti e ora abate di «San Paolo fuori le mura» di Roma. Così dom Antonio Luca, appartenente alla comunità monastica più giovane d’Italia, che ha all’incirca trent’anni, giunge a Montecassino in quel monastero fondato da San Benedetto 1500 un millennio e mezzo fa. Dom Antonio Luca ha avuto modo di dichiarare, riprendendo un’immagine biblica, di vivere tutto questo «come la gemma che fiorisce sul tronco antico».

Dom Antonio Luca Fallica, 14 febbraio 2023.

Il 14 febbraio 2023 dom Antonio Luca è stato ordinato diacono nel monastero della «SS. Trinità» di Dumenza dal vescovo ausiliare dell’Arcidiocesi di Milano mons. Franco Agnesi.

Mercoledì 8 marzo 2023 dom Antonio Luca ha ricevuto l’ordinazione presbiterale nella Basilica di Sant’Ambrogio a Milano, per le mani dell’arcivescovo mons. Mario Delpini.

Il 15 marzo 2023 dom Antonio Luca ha preso parte al suo primo impegno ufficiale a Cassino con la partecipazione alla celebrazione per il 79° anniversario della distruzione della città martire e al giuramento dei militari dell’80° Reggimento Roma.

Dom Antonio Luca Fallica, 8 marzo 2023.

Il 16 marzo 2023 dom Antonio Luca è stato immesso nel suo incarico di abate e ordinario alla presenza dell’abate presidente Dom Guillermo Leòn Arboleda Tamavo e del padre visitatore della provincia italiana Dom Mauro Meaci, abate di Subiaco. La cerimonia della presa di possesso della cattedra cassinese, con il passaggio di consegne da parte dell’abate dom Donato Ogliari, si è svolta nella Sala Capitolare ed è stata caratterizzata dal giuramento e dalla professione di fede del neo abate che ha ricevuto la croce pettorale simbolo della dignità abbaziale. Montecassino.

Il 21 marzo 2023 dom Antonio Luca ha presenziato, per la prima volta, alla cerimonia per la solennità del transito di S. Benedetto, accogliendo il cardinale Leonardo Sandri, prefetto emerito del Dicastero delle Chiese Orientali.

Dom Antonio Luca Fallica, 13 maggio 2023.

Il 16 aprile 2023 dom Antonio Luca si è insediato in seno al capitolo monastico di Montecassino con il rito della vestizione dell’abito cassinese lungo e nero, con il caratteristico scapolare pendente dal petto fino alle caviglie.

Sabato 13 maggio è svolta la cerimonia di insediamento di dom Antonio Luca ad abate a Montecassino, tappa finale di un «percorso iniziato, dunque, cinque mesi fa e punto di partenza del nuovo ministero a cui è stato chiamato»1.

Nella Basilica Cattedrale di Montecassino circa 600 persone hanno assistito alla Benedizione abbaziale dell’abate Luca presieduta dal cardinale Angelo De Donatis, vicario di Sua Santità per la Diocesi di Roma. Presenti l’«Abate Presidente della Confederazione sublacense-cassinese, l’Abate Primate, oltre 30 abati e abbadesse provenienti da monasteri italiani e stranieri con i loro monaci e le loro monache, il Nunzio apostolico mons. Emil Paul Tscherrig, i rappresentanti del Dicastero per gli Istituti di vita consacrata e per le Società di vita apostolica, alcuni Vescovi appartenenti alla CEL e di altre Diocesi storicamente vicine all’Abbazia, i sacerdoti delle parrocchie di Cassino e molte suore … il Prefetto di Frosinone S. E. Ernesto Liguori, il sindaco di Cassino e delle Città di Norcia e Subiaco unite nel nome di San Benedetto, oltre alle autorità militari della città e della provincia». Al termine della celebrazione dom Antonio Luca ha pronunciato con emozione il suo saluto affermando, fra l’altro: «So che questo è anche il momento dei ringraziamenti. Mi sarebbe impossibile ringraziare tutti. Li raccolgo in un unico ringraziamento a papa Francesco, non solo per la nomina, ma per le parole con cui l’ha sostanziata, e che abbiamo ascoltato nella lettura della bolla. In particolare gli sono grato per quel passaggio nel quale mi invita a offrire ai fratelli gli insegnamenti di colui che rimane il Maestro di entrambi, mio e loro. Si è maestri solo se si rimane discepoli dell’unico Maestro. E attraverso papa Francesco un ringraziamento a tutta la Chiesa, qui presente e radunata nella bellezza variegata dei suoi molteplici carismi e vocazioni. Sappiate però che per ognuno e per ognuna di voi c’è davvero tanta gratitudine, tanta sincera gratitudine. E desidero ringraziarvi non solo per essere qui o per quello che avete rappresentato nella mia vita nel passato, ma per quello che vi chiedo di fare nel futuro. E vi chiedo di pregare per me e per i fratelli di questa comunità che mi accoglie con fiducia come nuovo padre, di pregare e di aiutarci, perché insieme sappiamo percorrere, e aiutare altri a percorrere questa via antiidolatrica, questa via di ricerca del volto vero di Dio, nel primato dell’amore e nella spoliazione dell’umiltà». Infine un’ultima annotazione di carattere strettamente familiare: «E affido questo cammino alla Madre di Dio, che oggi celebriamo come la Vergine di Fatima. Oggi, 13 maggio, è anche il giorno nel quale, ormai 18 anni fa, la mia famiglia ha celebrato i funerali di mia mamma. E anche alla sua maternità mi affido con gratitudine. Grazie a tutti».

1 https://abbaziamontecassino.it/carisma/benedizione-abbaziale-dom-antonio-luca-fallica-13-maggio-2023/ (foto Roberto Mastronardi).

Il Centro documentazione e studi cassinati-Aps porge il più cordiale augurio di benvenuto nella Terra Sancti Benedicti a dom Antonio Luca Fallica, abate di Montecassino, faro di civiltà da quindici secoli per questo territorio, l’Italia, l’Europa e tutto il mondo.

Martedì 4 aprile una delegazione del Direttivo del Cdsc-Aps è stata ricevuta dall’abate dom Antonio Luca Fallica. È stato un incontro molto cordiale nel quale il nuovo abate ha mostrato affabilità, saggezza e apertura mentale; ha inoltre molto apprezzato il gran lavoro che va svolgendo il nostro sodalizio nel campo della cultura e della storia del territorio, ben illustrata dal presidente Gaetano de Angelis Curtis. Non è mancato il dono di alcune nostre pubblicazioni dedicate a Montecassino. Si è assicurata, infine, una stretta collaborazione tra l’Abbazia e il Cdsc.

Dom Luca Antonio Fallica è un acuto biblista, noto per la profondità nel pensiero delle sue meditazioni.

A lui sono affidate le riflessioni teologiche e della catechesi pubblicate sul periodico religioso «La Domenica», il foglietto della messa che si distribuisce in tutte le chiese italiane alla domenica e nelle festività religiose.

Il foglietto relativo a domenica 8 gennaio 2023, Battesimo del Signore (giorno precedente alla nomina di papa Francesco), presenta la meditazione Figlie e fratelli nella giustizia che riporta in calce la firma di «fr. Luca A. Fallica, Comunità SS. Trinità di Dumenza».

Invece i foglietti del 23 aprile 2023 e del 30 aprile 2023, III e IV Domenica di Pasqua, presentano le riflessioni, rispettivamente, Una fede eucaristica e Una chiamata personale, e ambedue riportano in calce la firma «dom Luca A. Fallica, Abate di Montecassino».

Così grazie a Dom Luca Antonio l’abbazia di Montecassino è presente domenicalmente in tutte le Chiese d’Italia.

(4 Visualizzazioni)