I dieci anni di Studi Cassinati


Print Friendly

.

Studi Cassinati, anno 2010, n. 4

Studi Cassinati con questo numero compie 10 anni di vita.

Dieci anni di crescita e di affermazione: dalle 64 pagine canoniche degli inizi siamo passati a 80, con puntate a 96; questo numero speciale addirittura a 112; i nostri lettori sono aumentati a dismisura grazie anche alla versione web, che ci fa giungere in tutto il mondo. Il nostro Bollettino è presente nelle maggiori biblioteche nazionali, compresa la Biblioteca Apostolica Vaticana, in quelle delle soprintendenze del Lazio, Molise e Campania, con alcune delle quali c’è un importante scambio di pubblicazioni; vie- ne spedito a tutti i Comuni del Cassinate e ai cultori della storia del nostro territorio, gran parte dei quali hanno preferito farsi soci del CDSC, sia per assicurarsi la copia a domicilio del Bollettino, sia per la collaborazione con articoli e monografie, che regolarmente pubblichiamo.

Anche l’area territoriale è cresciuta di molto: partimmo con la definizione “Bollettino trimestrale di studi storici del Lazio meridionale” ora dovremo aggiornare tale definizione visto che siamo ben presenti, con i nostri servizi, anche nel Molise e nel nord della Campania; non sappiamo ancora in quale modo, ma probabilmente dovremo fare ri- ferimento a quella che fu l’alta Terra di Lavoro, che geograficamente corrisponde meglio.

Ciò che maggiormente favorisce la crescita del- la nostra platea di lettori è la versione on-line del- l’intera raccolta di Studi Cassinati, che per lungo tempo era consultabile solo nella modalità testo o HTML, ma che ora è presente anche in formato PDF, identica, cioè, alla versione cartacea, e questo agevola notevolmente la consultazione e le indicazioni bibliografiche degli studiosi che ci seguono. Di ciò dobbiamo essere grati al nostro socio prof. Ermanno Capua- no, gestore, tra l’altro, del sito www.cassino2000.com.

Non ci piace autoreferenziarci, ma va detto, ad onor del vero, che gli apprezzamenti sono notevoli per numero e per importanza, mentre – questo ci preme evidenziare – non siamo sostenuti economicamente da enti o sponsors di alcun genere: solo le quote dei nostri associati ci consentono di uscire con regolarità; fino a marzo scorso godevamo delle agevolazioni postali per le spese di spedizione: ora anche quelle ci hanno tolto; pazienza, tireremo avanti lo stesso perché i nostri lettori lo vogliono.

e.p.

(29 Visualizzazioni)