Una donna di San Germano. Un prezioso dipinto in mostra ad Oxford.


Print Friendly

.

Studi Cassinati, anno 2010, n. 3

Un fortunato ritrovamento arricchisce il patrimonio figurativo della Cassino che fu.
Un dipinto di metà Ottocento dell’artista inglese Robert Braithwaite Martineau raffigurante “una donna di San Germano” in costume dell’epoca è stato riscoperto (per noi “scoperto”) in una importante mostra all’Ashmolean Museum of Art and Archaeology di Oxford dedicata ai “Pre-Raffaelliti e l’Italia”.
Il quadro, racconta Colin Harrison, curatore della mostra in un’intervista a Ben Miller, fu donato al museo da una certa famiglia in sostituzione di una tassa governativa di successione. Solo qualche tempo dopo si è capito che l’opera era quella eseguita dal pittore R. Braithwaite Martineau e perduta di vista a partire dal 1930.
Robert Braithwaite Martineau (1826–1869) studiò sotto William Holman Hunt della scuola dei pre-Raffaelliti e per diverso tempo ne condivise il laboratorio; la sua opera più nota è “L‘ultimo giorno nella vecchia casa”, esposta alla Tate Gallery di Londra .
La novità e la sorpresa della mostra di Oxford è l’accostamento del dipinto di Martineau, “A Woman of San Germano”, con un altro di Holman Hunt raffigurante una signora in costume napoletano inginocchiata in una chiesa. A parere di Colin Harrison le due donne rinviano ad una unica modella. Infatti, secondo lui, Hunt aveva dipinto il suo soggetto nel 1963, ma senza lo sfondo, come era d’uso tra i pre-Raffaelliti; solo nel 1867 riprese il quadro e lo completò con lo sfondo della chiesa.
Afferma Colin Harrison: “Si scoprì, poi, che, non solo era la Donna di San Germano – che era stato esposto alla Royal Academy nel 1864 – con il costume stesso, ma i miei amici mi hanno convinto che in realtà è la stessa modella, che sarebbe stata un membro della colonia italiana intorno a Holborn“.
La mostra “I pre-raffaelliti e l’Italia” continuerà fino al 5 dicembre 2010.
***
Ringrazio per la segnalazione l’amico Alberto Turinetti Di Priero di Torino, che ne ha avuto notizia dal sito web:
http://www.culture24.org.uk/art/ART30866, dal quale abbiamo tratto le immagini qui riportate.

e.p.

(29 Visualizzazioni)